Biomedical centro diagnostico poliambulatorio logo

laser angiomi nevi verruche risonanza magnetica genova safenectomia laser colla Dermolaserchirurgia Biomedical centro diagnostico poliambulatorio

Dermolaserchirurgia

Servizio di Dermatologia e Laser


Medicina Estetica

È uno dei servizi storici della Biomedical che opera da circa vent'anni nel settore della dermatologia clinica, chirurgica ed estetica con un particolare riguardo all'innovazione tecnologica.
Questo ha permesso negli anni di eseguire, con eccellenti risultati, minor disagio, tempi di recupero più veloci e risultati estetici migliori, trattamenti un tempo eseguibili solo col bisturi.
L'abitudine all'utilizzo di strumenti tecnologici avanzati permette un approccio più moderno non solo per inestetismi quali macchie cutanee (lentigo, capillari, tatuaggi non più desiderati) ma anche nel settore dell'oncologia dermatologica con una particolare attenzione alla prevenzione ed al risultato estetico nel rigoroso rispetto della radicalita dell'asportazione.

CHIRURGIA VASCOLARE - SERVIZIO DI LASERCHIRURGIA - LUCE PULSATA E FOTOTERAPIA

Il potenziale tecnologico di Biomedical si è arricchito di quattro potenti laser di altissima tecnologia, che operando su diverse lunghezze d’onda consentono un approccio terapeutico degno della selettività d’azione che solo con la presenza di più laser si può ottenere e che solo se rispettata è in grado di garantire risultati impensabili con altre metodiche.

Il laser lavora producendo un intenso fascio di luce brillante che viaggia in una sola direzione.

Questo fascio di luce può tagliare, coagulare i vasi sanguigni o vaporizzare la pelle.

 

Il laser ha la capacità di produrre luce con un unico colore (lunghezza d'onda) che può variare in intensità e durata di impulso. La luce normale prodotta da una fonte non-laser è composta da differenti colori e appare bianca.

La lunghezza d'onda e la potenza di un laser ne determinano la sua applicazione medica.

Palomar STARlux 1064 laser
Palomar STARlux R luce pulsata
Multiclear fototerapia
UVB a banda stretta ed uva 1 ad elevata energia

indicata per vitiligine-psoriasi-eczemi-sclerodermia localizzata

 

Laser encore resurfacing C02

ULTRApulsato

 

Laser versapulse c Aesthetic

Operante a 4 diverse lunghezze d’onda
con sistema di raffreddamento costante per la riduzione del danno termico epidermico
operante a 532 QS-1064 QS e 755 QS nm e 532 nm ad
impulso variabile.

PSORIASI

E’ una malattia cronica della pelle caratterizzata nella sua variante più frequente da aree di cute inspessita, eritematosa ricoperta da squame grigiastre. Il dermatologo può aiutare a controllare i sintomi sia delle forme lievi che di quelle più gravi. Circa il 2% della popolazione è affetta da psoriasi. Le sedi più facilmente colpite dalla forma a placche sono: ginocchia, gomiti, tronco e glutei.

Come trattarla

Non esiste attualmente una cura capace di eliminare per sempre le lesioni psoriasiche, ma vi sono molti rimedi per tenerle sotto controllo evitando che siano clinicamente visibili e fastidiose. Esistono trattamenti locali con creme ed unguenti o farmaci da assumere per via sistemica. Questi ultimi devono essere monitorati dal dermatologo per il possibile insorgere di effetti collaterali.

Fototerapia

Una valida alternativa alla terapia tradizionale viene oggi offerta da terapie basate sulla tecnologia con luci o laser che emettono UVB a banda stretta. (308 mm).

Il vantaggio consiste nell’esecuzione di una terapia non invasiva alternativa all’assunzione dei farmaci o all’esecuzione di medicazioni giornaliere. Con gli UVB a banda stretta si può interagire in modo selettivo sulle lesioni evitando l’irraggiamento della cute sana, ciò consente l’uso di energie più elevate e tempi di risposta più brevi rispetto alla fototerapia convenzionale. Questo tipo di terapia è indicata nei casi di psoriasi moderata con interessamento fino al 30% della superficie corporea e per le lesioni resistenti ad altri trattamenti. La risposta è positiva in più dell’80% dei pazienti trattati. La seduta richiede pochi minuti e deve essere eseguita bisettimanalmente per almeno 4/7 settimane. Le sedute non richiedono la sospensione delle normali attività lavorative.

La scelta terapeutica

Tipo di psoriasi, severità, localizzazione corporea, età e condizioni generali coinvolgimento fisico ed emotivo sono gli elementi che guidano verso la scelta terapeutica in modo tale da aumentare il più possibile il numero di giorni liberi da malattia rispetto a quelli in cui questa è presente.

 

VITILIGINE

E’ una malattia della pelle che si manifesta con la perdita di pigmento melanico che produce la comparsa di aree cutanee bianche. Può essere interessata qualsiasi parte del corpo, ma generalmente in modo simmetrico. Le sedi più frequentemente coinvolte sono: il viso, l’area perioculare e perilabiale, mani, braccia, gambe e aree genitali. Circa il 50% della popolazione affetta sviluppa le prime lesioni prima dei 20 aa. e circa 1/5 ha un famigliare con vitiligine.

La vitiligine colpisce l’1-2% della popolazione. La maggior parte dei pazienti con vitiligine gode di ottima salute, ma in alcuni casi questa malattia (ove l’organismo distrugge il proprio pigmento) può essere associata a disordini autoimmuni che coinvolgono altri organi come ad esempio la tiroide.

 

Come trattarla

Non esiste attualmente una cura certa e definitiva. La ricerca è molto attiva e si spera in un futuro di poterne disporre. Attualmente vi sono diverse tipologie di trattamento in grado di promuovere la ripigmentzione delle aree affette con risultati variabili:

  • Terapie locali

  • PUVA-UVB a banda stretta - Laser ad eccimeri

  • Immunomodulatori

  • Trapianto di cute

 

 

Nella vitiligine il trattamento con luce intensa UVB a banda stretta più UVA 1 richiede 2-3 sedute settimanali, talvolta per alcuni mesi.

 

La presenza dell’UVA 1 che caratterizza la nostra fototerapia, consente tempi di ripigmentazione più veloci e maggiore stabilità nei risultati ottenuti.

 

 

SMAGLIATURE
IPOPIGMENTAZIONI - CICATRICI

Il trattamento non interferisce con le attività quotidiane e il grado di ripigmentazione osservato dopo 3-4 settimane è significativamente superiore a quello delle terapie convenzionali, anche se tempi ed entità di risposta sono variabili da un individuo all’altro.


Anche questi inestetismi possono essere considerevolmente migliorati stimolando la comparsa di pigmento nelle aree più chiare con cicli di UVB terapia a banda stretta mirata sulle sedi interessate. Ogni seduta dura circa 8 minuti e non è dolorosa.